Sulle tende beduine

Le chiamano “house of hair” e il loro caratteristico colore scuro proviene dal colore delle capre, il cui pelo (fino a qualche decina d’anni fa) veniva filato e tessuto dalle donne beduine in strisce di stoffa grezza, poi cucite tra loro. La dimensione delle strisce, pressoché uguale in tutte le tende, era basata sulla dimensione dei telai portatili, da poggiare a terra, tutti di una stessa ampiezza, fissata in tempi antichi sulla lunghezza media dell’avambraccio. E se il nero assorbiva il calore, le schermature laterali in estate potevano essere rimosse lasciando la tenda aperta su un fronte ma, soprattutto, la stoffa, tessuta con una trama morbida, lasciava circolare l’aria permettendo la dispersione del calore. In inverno, sotto la pioggia il filo si gonfiava chiudendo le fessure nella trama. E il pelo delle capre, naturalmente oleoso, garantiva una discreta impermeabilità. Essenziali per la vita nella tenda erano e sono il focolare centrale, intorno a cui scaldarsi la sera, chiacchierare e far bollire l’acqua per il tè, e, sui tappeti che ricoprono il fondo sabbioso, cuscini, materassi e selle di cammello usate come schienali. Cosa desiderare di meglio in mezzo al deserto? Per le esigenze del viaggiatore contemporaneo (soprattutto: ricaricare lo smartphone tutto fare), un pannello fotovoltaico ed una batteria, per dar corrente alle tende una volta calato il sole!

camp

In questa foto: il Mohammed Mutlak Camp nel magnifico Wadi Rum in Giordania.

About paesaggisensibili

Architect and senior fellow of the McLuhan Program in Culture and Technology of Toronto University, I'm a member of the board of directors of the Italian National Institute of Architecture (IN/ARCH) in Rome, where since 2003 I am in charge of the Institute Master Programs. My studies are rooted in the fields of architecture and philosophy of science with a special interest in biology and anthropology. Key words for my research are: Man, Space, Nature, Technique, Webness, Ecology, Relations, Interactions, Resources, Energy, Landscape, Footprint, Past and Future. My goal is to build critical understanding of the present to suggest useful strategies to build the future.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: