Democrazia dal basso

“Nel tempo della crisi della democrazia rappresentativa, un nuovo fenomeno si manifesta con sempre maggiore forza nei rapporti tra cittadini ed istituzioni: la disintermediazione. Da un lato i tradizionali corpi intermedi, come partiti e sindacati, non riescono più a dare voce ai bisogni, ai desideri e alle istanze che vengono dalla società; dall’altro, i cittadini tendono sempre di più ad organizzarsi spontaneamente in comitati autonomi e agiscono per presentare i propri interessi direttamente ai decisori pubblici, riuscendo talvolta a contribuire in maniera determinante ai processi decisionali. È il modello della governance partecipata, nel quale le decisioni collettive vengono assunte grazie al supporto concreto del confronto diretto tra cittadini e istituzioni. Concentrando l’analisi di questi fenomeni sulla Regione Lazio, in un viaggio che attraversa luoghi, realtà sociali e tematiche differenti – dal degrado nel centro storico di Roma ai problemi di rifiuti, cementificazione e urbanistica della Capitale; dai disservizi del trasporto pubblico locale per i pendolari di Rieti, ai cittadini mobilitati sul tema dell’acqua pubblica a Viterbo – emerge un quadro nel quale i comitati dei cittadini rappresentano il moderno paradigma per un’originale centralità della società civile, in grado di dare nuova legittimità, dal basso, ad una democrazia in affanno.”

Antonucci

A partire dal libro scritto con Alessandro Fiorenza, Democrazia dal Basso. Cittadini organizzati a Roma e nel Lazio (Gangemi 2016), Maria Cristina Antonucci ci racconterà di nuovi attori collettivi, emersi nella dimensione territoriale romana e aggregati intorno a beni o interessi comuni. Retake Roma, per il decoro urbano; Comitato Malagrotta, Massimina.it, Cittadini Liberi della Valle Galeria e Valle Galeria si rifiuta, per la localizzazione degli impianti dedicati al ciclo dei rifiuti; Comitato Pendolari Reatini per le politiche di trasporto pubblico locale; Comitato Non Ce La Beviamo di Viterbo per l’erogazione di acqua potabile; Associazione Abitanti del Centro Storico di Roma per le politiche di tutela e valorizzazione del centro città; Stop I-60 per l’urbanistica a Roma. A partire da questi casi studio ragioneremo ancora di territorio, politica e democrazia.

https://paesaggisensibili.com/2017/02/08/costruire-comunita/

 

About paesaggisensibili

Architect and senior fellow of the McLuhan Program in Culture and Technology of Toronto University, I'm a member of the board of directors of the Italian National Institute of Architecture (IN/ARCH) in Rome, where since 2003 I am in charge of the Institute Master Programs. My studies are rooted in the fields of architecture and philosophy of science with a special interest in biology and anthropology. Key words for my research are: Man, Space, Nature, Technique, Webness, Ecology, Relations, Interactions, Resources, Energy, Landscape, Footprint, Past and Future. My goal is to build critical understanding of the present to suggest useful strategies to build the future.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: