L’arte come martello per scolpire il mondo

Publicato su Artribune

Pochi minuti a piedi separano il rione Danisinni dalla Cattedrale e dal Palazzo Reale di Palermo. E pochi minuti a piedi separano il quartiere da un altro degli straordinari monumenti della città, la residenza estiva dei re Normanni, il Palazzo della Zisa. Eppure, non solo per i turisti, ma per gli stessi palermitani, Danisinni è un luogo remoto, uno strano “buco” spazio temporale su cui lanciare sguardi furtivi da una macchina in transito verso altre mete.

I mangiatori di patate e Temet Nosce all'opera 7

Ad attirare lo sguardo è l’apertura, il diradamento dell’edificato ma anche un evidente sprofondamento: Danisinni è uno spazio ribassato rispetto alla quota di imposta della città, una depressione che, sino al XVI secolo, raccoglieva le acque del fiume Papireto (acque che la leggenda voleva collegate al Nilo visto che, come ci ricorda il nome, anche qui crescevano i papiri). Dopo l’interramento del fiume (come intervento risanatore per il suo inquinamento), Danisinni diventò rapidamente un pezzo di città fuori le mura: un fazzoletto di casupole ad uno o due piani cresciute, col disordine armonioso e vitale tipico della città informale, intorno ai terreni fertili di quella che era stata una palude. Oggi Danisinni è ancora lì ma è diventato un pezzo di campagna in città, assediato dall’esterno e dall’interno dall’urbanizzazione cresciuta nei secoli fuori le mura, fermatasi sino agli anni ’70 ai margini della depressione e poi andata ad occuparne simbolicamente il centro con un asilo ed un consultorio, entrambi chiusi da anni per la presenza di cedimenti dovuti alla natura instabile del terreno.

La città immaginaria degli studenti - ph. Anna Lombardo [studentessa dell'ABA Palermo] 6

In questo contesto, nonostante il restauro della Zisa (completato nel 1991) ed il recupero e la trasformazione delle vicine officine dello storico mobilificio Ducrot (acquistate dal Comune nel 1995 e trasformate in “cantieri culturali” della città, straordinari spazi espositivi per eventi teatrali, musicali e cinematografici), Danisinni resta un’oasi trascurata dai processi di sviluppo e dalle politiche sociali, mal collegata alla terra ferma della città.

Pride 2016 Palermo

Negli anni però sono molte le realtà sociali che si attivano per il quartiere, dove è importante la presenza della parrocchia di Sant’Agnese. Nel 2013, l’associazione ASTES (associazione per lo sviluppo territoriale sostenibile), in collaborazione con l’associazione locale pro-Danissini (alla ricerca di fondi per la ristrutturazione di asilo e consultorio), propone un piano di sviluppo socio economico per il rione, denominato provocatoriamente Danisinni RI.DE. (RInasce dal Degrado), e grazie all’attivarsi di un folto gruppo di volontari, insieme all’AIPIN (associazione italiana ingegneria naturalistica), come segno evocativo della possibile rinascita, nel giardino del consultorio realizza un biostagno, riportando alla luce le acque sotterranee del Papireto e i suoi papiri.

Nel 2015 Valentina Console, docente di scenografia della vicina Accademia di Belle Arti, con la collaborazione degli studenti e di Angela La Ciura, anche lei docente dell’accademia e proprietaria di diecimila ettari di terreni abbandonati proprio nel cuore dei Danisinni (poi donati in comodato d’uso alla attigua parrocchia di Sant’Agnese), dà vita ad una fattoria sociale che innesca un processo di attivazione del quartiere e riscoperta del valore del luogo. Parallelamente nel luglio 2015, l’iscrizione dell’itinerario arabo-normanno (cioè di una serie di monumenti palermitani tra cui il Palazzo Reale, la Cattedrale e la Zisa) nel patrimonio dell’umanità da parte dell’Unesco, sollecita il disegno di itinerari turistici pedonali per collegare questi luoghi.

02.07.17 Un momento della parata circence - ph. Ro.Puccio 1.jpg

Nel 2017, grazie al sostegno dell’Accademia e del Comune, Valentina Consolo insieme all’artista Enzo Patti, prosegue il lavoro su Danisinni coinvolgendo altre associazioni per dar vita ad un grande laboratorio artistico e sociale rivolto agli studenti dell’accademia e ai bambini e le famiglie di Danisinni. Tre gli ingredienti principali del laboratorio: la street art con gli artisti muralisti di CaravanSerai, un laboratorio di circo e giocoleria condotto da Circ’all, associazione di promozione sociale impegnata nella diffusione della cultura del circo contemporaneo, del teatro di strada e delle arti performative, ed un laboratorio di comunicazione affidato ai giovani di NEU, agenzia specializzata in service design, rivolto agli studenti dell’accademia per insegnargli a costruire strumenti innovativi di comunicazione dei progetti artistici sul web.

La banda di piccoli circensi si muove intorno al quartiere.jpg

A partire dal monito di Majakovskij secondo cui «L’arte non è uno specchio cui riflettere il mondo, ma un martello con cui scolpirlo», Rambla Papireto ha lavorato sulla pelle del quartiere, ma anche sui corpi e sulle emozioni dei suoi bambini, insegnandogli come il linguaggio creativo del corpo e dei colori possa divenire strumento per dar voce ai propri sentimenti, alla rabbia e alla paura. L’obiettivo è innescare un processo virtuoso che partendo dal riconoscimento del valore del luogo e dell’energia creativa delle persone, trasformi le superfici addossate delle case in una galleria d’arte a cielo aperto, per poi recuperare i tanti spazi abbandonati facendone residenze d’artista e per giovani studenti stranieri, nel quadro di uno spazio pubblico che, tornando ad essere parte del percorso storico di collegamento tra Palazzo Reale e il Castello della Zisa, possa diventare un percorso turistico e artistico.

Le acrobazie di Jonathan Marquis​ - ph. R.Puccio 4

Domenica 2 luglio si è conclusa la prima fase del progetto Rambla Papireto con una grande festa che ha portato tanti visitatori, palermitani che non erano mai stati a Danisinni, ma anche le istituzioni cittadine con il sindaco Leoluca Orlando, a passeggiare per le strade del quartiere. Come espresso chiaramente dalle parole del sindaco “Questo risveglio di vita fa crescere finalmente le giuste richieste degli abitanti… oggi finalmente hanno consapevolezza di essere cittadini palermitani”. Non ci resta che sperare che sia così, che gli abitanti non rinuncino ad essere “palermitani” e che, accompagnati dalle istituzioni culturali, vadano avanti con il processo di trasformazione, pretendendo adesso che anche il pubblico faccia la sua parte, riaprendo i tracciati pedonali e riallacciando le fila degli spazi pubblici ma anche riaprendo finalmente i due spazi comunali abbandonati proprio al centro della piazza.

 

About paesaggisensibili

Architect and senior fellow of the McLuhan Program in Culture and Technology of Toronto University, I'm a member of the board of directors of the Italian National Institute of Architecture (IN/ARCH) in Rome, where since 2003 I am in charge of the Institute Master Programs. My studies are rooted in the fields of architecture and philosophy of science with a special interest in biology and anthropology. Key words for my research are: Man, Space, Nature, Technique, Webness, Ecology, Relations, Interactions, Resources, Energy, Landscape, Footprint, Past and Future. My goal is to build critical understanding of the present to suggest useful strategies to build the future.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: