Rigenerare con gli abitanti. Costruire comunità.

Raccogliendo i lavori del Master INARCH in Architetture Sostenibili sul quartiere di Massima, questo quaderno racconta una ipotesi di rigenerazione urbana basata sulla possibilità di combinare strategie che operino dall’alto e dal basso, affidando all’amministrazione pubblica un ruolo di regia per innescare un processo ampio, a scala di quartiere, di riqualificazione dell’edilizia privata e dello spazio pubblico. L’assunto base di questa ipotesi è che se la sfida dello sviluppo sostenibile richiede una riduzione dei consumi energetici legati all’abitare e lo sviluppo di un modello urbano basato su infrastrutture (energetiche, di gestione delle acque e dei rifiuti) di nuovo tipo, la costruzione di questo modello urbano a impatto ridotto potrebbe rappresentare un business collettivo in grado di combattere l’esclusione spaziale e sociale, creando nuovi lavori e forme di governance. Ma poiché di rigenerazione urbana si parla ormai da decenni, la proposta chiave di questo lavoro riguarda la modalità per innescarla in aree marginali, in difficoltà economica e lavorativa. Aree caratterizzate da una struttura distribuita di piccole proprietà. Questo studio propone l’utilizzo di un “abaco” di soluzioni tipologiche standardizzate, all’interno di una “chiamata” pubblica alla rigenerazione di un quartiere, come chiave per creare un modello di business per una rigenerazione a scala urbana, secondo percorsi facilitati, perché preordinati, di progettazione, finanziamento e autorizzazione.

A cura di Maria Luisa Palumbo
Editing e grafica Michela Basile
Elaborazion contenuti e grafica: Daria Fimmanò e Giulia Mangiola

Gli studenti dei Master INARCH in Architetture Sostenibili delle edizioni XVII, XIX, XX:
Camilla Agnello, Chiara Audi, Barbara Baronetto, Lorenzo Carletti, Maura Carasai, Margherita Chiappe, Valentian Coccia, Stella Cusati, Paride D’Alessandro, Daria Fimmanò, Dilla Gallico, Giulia Mangiola, Sara Musarò, Luigi Palomba, Luna Paolì, Maria Cristina Pelosi, Caterina Pirrera, Michela Pirro, Paola Quarta, Gemma Renella, Vera Rispoli, Maria Francesca Sabbà, Jaclyn Santarelli, Sara Sbardella, Eugenia Urbano.

About paesaggisensibili

Architect and senior fellow of the McLuhan Program in Culture and Technology of Toronto University, I'm a member of the board of directors of the Italian National Institute of Architecture (IN/ARCH) in Rome, where since 2003 I am in charge of the Institute Master Programs. My studies are rooted in the fields of architecture and philosophy of science with a special interest in biology and anthropology. Key words for my research are: Man, Space, Nature, Technique, Webness, Ecology, Relations, Interactions, Resources, Energy, Landscape, Footprint, Past and Future. My goal is to build critical understanding of the present to suggest useful strategies to build the future.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: